Mercato di gennaio, Kalinic e Gabbiadini sul piede di partenza

Il mercato di gennaio non è ancora entrato nel vivo, ma già si intravedono i primi movimenti che potrebbero parzialmente cambiare la fisionomia di alcune squadre. La Juventus si è assicurata Rincon, qualcosa in più di un rincalzo ma certamente non il nome che i tifosi sognavano. Per quello probabilmente bisognerà aspettare giugno: Tolisso non dovrebbe muoversi da Lione nella sessione attuale.

L’Inter si è liberata, finalmente verrebbe da dire, di Jovetic. Il montenegrino sembrava poter segnare il nuovo corso nerazzurro e diventare insieme a Icardi il punto di riferimento della squadra. Ma se prima Mancini, e poi De Boer e Pioli non l’hanno mai preso in considerazione, evidentemente qualcosa non deve aver funzionato. Vedremo nella sua esperienza a Siviglia se i nerazzurri hanno perso un’occasione, perchè sul talento dell’ex Fiorentina ci sono pochi dubbi. Sulla sua continuità invece più di uno.

Rischia di perdere molto in questa sessione la Fiorentina, che sta trattando la cessione in Cina di Kalinic per cifre mostruose e che potrebbe cedere ai corteggiamenti di Milan e Roma per Badelj. Più difficile che parta subito Bernardeschi, per il quale a giugno potrebbe davvero scatenarsi un’asta mostruosa. In attesa della seconda giornata dell’anno, il Napoli potrà dare il suo addio a Gabbiadini, ormai avviato con ogni probabilità verso la Premier League e dare il benvenuto a Pavoletti, che potrebbe giocare qualche minuto in Coppa Italia (su Rai e Rojadirecta) contro lo Spezia.

Un passaggio di consegne molto virtuale tra chi doveva essere il centravanti titolare dopo l’infortunio di Milik, ma non è riuscito a convincere pubblico, critica e soprattutto Sarri con prestazioni oggettivamente deludenti, e chi proverà a conquistare il San Paolo. Pavoletti dovrà vincere prima la concorrenza di Mertens, che nel ruolo di falso nueve si è comportato come un verissimo nueve, e poi di Milik, pronto al rientro. Soprattutto, l’ex Genoa dovrà cercare di superare i suoi guai fisici prima possibile, quelli che finora lo hanno tenuto troppo spesso lontano dal terreno di gioco.

Ti è piaciuto l'articolo?
Valutazione
[Total: 0 Average: 0]

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.