Rojadirecta

Su Rojadirecta streaming gratis partite di Serie A per la 26esima giornata: Lazio-Bologna, Napoli-Torino, Milan-Genoa, Cagliari-Roma, Juventus-Inter.

 









La lotta alla pirateria diventa sempre più intensa, ma parallelamente cresce la domanda per vedere le partite in streaming senza sostenere quelli che sono i costi oggettivamente alti di un abbonamento alla pay tv. Per anni il connubio partite gratis in streaming-internet è stato Rojadirecta, sito storico per vedere le partite di calcio in streaming.

Streaming un problema per il calcio

Negli ultimi anni ci sono stati vari tentativi di mettere il bavaglio a Rojadirecta, ma nonostante tutto il sito di Igor Seoane è ancora online e continua a fare la felicità di chi vuol vedere le partite in streaming. E continua a essere un incubo per il movimento calcio, che inevitabilmente perde utenti.

rojadirecta

Rojadirecta si rinnova

Ricordiamo che l’attività di Rojadirecta è illegale. Ormai illegale è anche usufruire della piattaforma stessa, anche se ovviamente i due reati non possono essere paragonabili. La legge finora ha imposto blocchi su blocchi a sito, ma come succede spesso, fatta la legge scoperto l’inganno. Rojadirecta risorge come un’araba fenice, puntualmente, trasformandosi e rinnovandosi.

Streaming illegale, scelta personale

Come non darle torto. Il giro di affari è enorme e dunque fino a quando non si troverà un modo definitivo per oscurarlo, è probabile che continui a essere presente online. La scelta di usufruire o meno di questo tipo di servizi è individuale. Proprio in questa stagione calcistica durante le partite si stanno moltiplicando gli spot contro la pirateria, uno di questi molto efficace ringrazia gli utenti che ne usufruiscono, in modo ironico, spiegando che in questo modo si finanzia la criminalità organizzata.

Alternativa a Rojadirecta

L’alternativa a Rojadirecta è lo streaming legale. Le piattaforme che detengono i diritti propongono servizi ovviamente a pagamento: ci riferiamo a Sky, DAZN, Mediaset Premium e NowTV. I costi in alcuni casi si sono abbassati notevolmente, in altri no. C’è chi ritiene la visione delle partite un diritto, ma ci si dimentica che fino a qualche anno fa era impensabile vedere in diretta le partite d campionato, e bisognava seguirle alla radio per poi pazientare che Novantesimo minuto mandasse in onda le sintesi delle partite. Ma ci sono anche quelli illegali, e come detto il numero uno è Rojadirecta. Come detto la decisione di usufruire o meno di questo servizio è puramente personale. Il costo per abbonarsi a un servizio ufficiale non è basso ma nemmeno proibitivo. D’altra parte vedere tutte le partite di calcio non è una questione di vita o di morte ma una passione, e come molte passioni, ha il suo costo che si deve essere disposti e in grado di sostenere.

Con l’epidemia di Coronavirus che ha colpito anche l’Italia, la necessità di far disputare molti incontri a porte chiuse a tempo indeterminato, costringerà moltissimi tifosi a guardare la partita in televisione, nonostante queste persone siano in possesso di abbonamento allo stadio o abbiano già comprato il biglietto. In questo senso è lodevole l’apertura di Sky a trasmettere alcuni big match come Juventus-Inter anche in chiaro, in modo da venire incontro a tutti coloro i quali , avendo l’abbonamento allo stadio, magari non hanno un abbonamento alla pay tv e in questo senso oltre al danno subirebbero una beffa. In questo modo, inoltre, si scongiurerebbe il rischio del recarsi in massa in locali pubblici per vedere la partita, cosa sconsigliabile soprattutto nelle aree già contagiate, e che potrebbe moltiplicare il numero di malati.